Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il Castello di Monteserico nuovamente minacciato dall'eolico forsennato.

Pubblicato su da ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE LUCANIA

Il Castello di Monteserico nuovamente minacciato dall'eolico forsennato.

Dalla società Alvania S.r.l. alla Eusebio Energia S.p.A., il castello di Monteserico in agro di Genzano non sembra avere tregua dall'assalto delle mega croci rotanti d'acciaio.

Questa volta la discussione avverrà dinanzi al T.A.R. di Basilicata e la società proponente il ricorso è la Eusebio Energia S.p.A. Trattasi di una società che ha presentato, nel lontano marzo 2011, istanza di Valutazione d'Impatto Ambientale per la realizzazione di un impianto eolico a ridosso del Castello di Monteserico e relativa stazione elettrica Terna quale opera connessa al suo impianto ed a tante altre invasive ed impattanti proposte progettuali.

La stazione elettrica è già stata autorizzata, nell'ambito di un altro procedimento, già volturata alla società Terna S.p.A. e già realizzata. L'impianto eolico della Eusebio è rimasto appeso al palo, è proprio il caso di dirlo, nonostante il suo gran da fare sul territorio. Tanto ci sarebbe da raccontare sulla stazione elettrica e sulle stazioni elettriche Terna in generale, ma ad oggi il problema è rappresentato dalla minaccia degli aerogeneratori proposti dalla Eusebio, Terna è una triste storia assestante sulla quale tanto ci sarebbe da raccontare guardando anche alla Puglia, alla Campania, all'Abruzzo ed a tante altre Regioni d'Italia.

La società Eusebio ha già ricevuto Giudizio negativo di Compatibilità Ambientale, da parte del Comitato Tecnico Regionale per l'Ambiente, il cui parere è divenuto parte sostanziale ed integrante del Delibera di Giunta Regionale n. 90 del 2 febbraio 2016.

La società Eusebio ha ricevuto anche un diniego all’Autorizzazione Paesaggistica, da parte della Commissione Regionale per il Paesaggio della Regione Basilicata, e Parere negativo da parte della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Basilicata per ragioni similari a quelle già espresse dagli stessi Uffici regionali: estrema vicinanza degli aerogeneratori al Castello di Monteserico nonostante la riduzione a 6 aerogeneratori rispetto agli iniziali 30.

Nella prima proposta gli aerogeneratori, proposti dalla Eusebio, avevano una potenza elettrica nominale di 2 MW, per ogni singola pala, mentre la potenza si è innalzata a 3.4 MW per ciascun aerogeneratore nella successiva proposta progettuale.

Il 14 aprile scorso la società Eusebio Energia S.p.A. presenta ricorso dinanzi al T.A.R. Basilicata contro la Regione Basilicata e contro la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Basilicata. Diversi gli atti impugnati per i quali se ne chiede l'annullamento.

Non sappiamo se il Comune di Genzano di Lucania avrà intenzione di opporsi al ricorso della società costituendosi contro la Eusebio, ma abbiamo buoni motivi per pensare che sia la Regione Basilicata sia la Soprintendenza, in questa rara occasione, faranno fronte comune nel difendere l'ambiente ed il paesaggio circostante il bene storico-monumentale tanto assediato da avide compagnie dell'eolico.

Quando si apriranno le danze? Mercoledì 11 maggio prossimo ci sarà la prima Camera di Consiglio durante la quale si discuterà della domanda cautelare di sospensione proposta dalla società Eusebio. Abbiamo buone ragioni per pensare che si preparano a dare battaglia sia la Regione Basilicata sia la Soprintendenza. Auspichiamo che non restino sole. Sarebbe opportuno che oltre all'Ente statale, all'Ente regionale, si aggiungesse anche la difesa dell'Ente comunale. Siamo speranzosi che ciò avverrà!

I lavori sono in corso, prossimamente gli aggiornamenti.

Come sempre, non ci limitiamo ad aggiornare, ma cerchiamo nel nostro piccolo di difendere quel po' che di difendibile è rimasto nella nostra Basilicata ed in particolare nel nostro Vulture Alto Bradano.

Il Castello di Monteserico nuovamente minacciato dall'eolico forsennato. Il Castello di Monteserico nuovamente minacciato dall'eolico forsennato.

Commenta il post