Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

ALPHABIO e ECO TRANSIDER. Il Vulture Alto Bradano è stato scambiato per un "cesso" pubblico?

Pubblicato su da ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE LUCANIA

ALPHABIO e ECO TRANSIDER. Il Vulture Alto Bradano è stato scambiato per un "cesso" pubblico?

“Mettereste un cesso nella vostra cucina?” Paul Connett

Nicola Abbiuso - 28 novembre 2015

All’inizio degli anni novanta il prof. Paul Connett, durante una manifestazione pubblica svoltasi a Lavello contro la scellerata decisione di realizzare l’inceneritore Fenice a San Nicola di Melfi, pose una domanda ai cittadini e soprattutto agli allora rappresentanti politici della zona: “mettereste un cesso nella vostra cucina? Ecco, approvando il progetto Fenice voi permetterete che ciò accada”!

A distanza di oltre vent’anni, le cronache giudiziarie ed amministrative, hanno ampiamente dimostrato che non solo quel “sanitario” è stato installato nella nostra cucina, ma che il suo tubo di scarico era talmente rotto da aver insozzato per bene le falde acquifere dell’area. Dell’aria e di ciò che ha lasciato sui terreni circostanti non abbiamo ancora la dimensione, ma quando finalmente qualcuno si deciderà a fare dei rilievi seri, probabilmente ci sarà da ridere. Se con un solo campione di latte materno e con una semplice analisi su poche uova di gallina è emersa la presenza di diossine, figuriamoci con una seria campagna di analisi.

Oggi, tanto per completare l’arredamento sanitario nella nostra cucina, qualcuno a Potenza ha deciso che San Nicola di Melfi debba diventare un “Cesso Pubblico” a disposizione della nazione! Due progetti:

- Eco Transider che sta creando notevoli disagi alle popolazioni dei comuni in prossimità di Aversa e che vorrebbe realizzare un impianto da 124.000 tonn/anno (vedi sito olambientalista.it) per fortuna al momento bloccato dal diniego del Comune di Melfi in sede di conferenza di servizi (fino a quando?).

- Alphabio una srl costituita il 3 luglio 2015, a cui il consorzio ASI di Potenza ha assegnato un lotto il 14 luglio 2015 e che, sempre da Potenza, ha ricevuto l’assegnazione di un finanziamento pubblico pari a 7 MILIONI DI EURO il 15 luglio 2015, il tutto per trattare la bellezza di 140.000 tonn/anno di rifiuti!

Tutto questo in assenza di un Piano Regionale dei Rifiuti, in contrasto con lo statuto del consorzio industriale ASI e con tempi della burocrazia talmente rapidi da far rabbrividire qualunque ufficio pubblico del Nord Europa! Una solerzia quantomeno sospetta.

Per fortuna le aziende alimentari insediate nell’area industriale hanno sollevato la questione. Sarebbe utile che anche i Sindaci della zona ed i sindacati (che dovrebbero occuparsi anche del benessere dei lavoratori) si pronunciassero in merito e che intervenissero sugli uffici regionali affinchè VENGA BLOCCATA QUALUNQUE AUTORIZZAZIONE IN ATTESA DEL NUOVO PIANO REGIONALE DEI RIFIUTI, altrimenti sarà il caso di attrezzarsi per dotare tutti i lavoratori e i cittadini residenti nel raggio di 10 km di una maschera anti-gas da indossare ogni giorno per gli anni futuri.

28/11/2015

Comitato Diritto alla Salute

Quale cultura vedete in una Regione dove vi sono società che vorrebbero continuare ad investire nella monnezza? Il Vulture Alto Bradano è stato scambiato per un "cesso" pubblico? L'area del Vulture Alto Bradano è tuttora minacciata dalle società ALPHABIO e ECO TRANSIDER che vorrebbero trattare rifiuti per un totale 260.000 tonnellate/anno. Ascoltate il TGR Basilicata del 27.11.2015 e capireste perché non si può rimanere indifferenti quando si apprende che con l'Assessore Berlinguer si vuole parlare di infrastrutture piuttosto che di ambiente. Ma la Salute dei Cittadini che posto ricopre in una scala di priorità? Con un Assessore che continua a farneticare idee sull'aeroporto in Basilicata, dopo il fallimento di Potecagnano, senza proferire parola su tante emergenze ambientali che affliggono la nostra Terra, vi sentite a vostro agio nel riverilo ed accoglierlo, con il sorriso sulla faccia, in casa propria?

Commenta il post