Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il Prof. Franco ORTOLANI risponde, tramite facebook, al Presidente della Regione Basilicata

Pubblicato su da ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE LUCANIA

Oggi su il Quotidiano del SUD viene pubblicato un articolo dal titolo:

La Basilicata e il petrolio, dopo Presa Diretta In una lettera alla Rai la difesa di Pittella

Nell'articolo si leggono alcuni virgolettati del Dott. Grasso, per nome e per conto del Presidente Pittella. In particolare, in merito alle modifiche introdotte all'art. 38 tramite la Legge di Stabilità e all'inserimento del Piano della aree, si legge:

«Per cui in quella sede ciascuna Regione sarà chiamata a fare la propria parte. La Basilicata si presenterà al tavolo con gli oltre duemila chilometri quadrati coinvolti dalla concessione Val D’Agri e dalla concessione Gorgoglione. E quindi con una linea politica tendente a riconfermare (senza andare oltre) tanto gli accordi del 1998 con Eni quanto quelli del 2006 con Total. E prima che ai lucani possano essere chiesti ulteriori “sacrifici”, sarà logico attendersi che anche altri territori (a partire da quelli delle regioni vicine, nei quali è stata accertata la presenza di gas e oil) facciano altrettanto. Vedi Vallo di Diano in Campania, confinante con le aree della Val D’Agri».

Non si è fatta attendere la risposta del Prof. Franco ORTOLANI che sul suo profilo facebook, in data odierna, scrive:

Il Governatore lucano Pittella: “Il Vallo di Diano faccia la sua parte!” Si faccia inquinare le falde di importanza strategica che alimentano circa 8000 litri di acqua potabile al secondo.
PRATICAMENTE IL GOVERNATORE LUCANO INVITA I CAMPANI AD ESEGUIRE UN CRIMINE AMBIENTALE: FAVORIRE L’INQUINAMENTO DI UN PATRIMONIO IDRICO POTABILE DI IMPORTANZA STRATEGICA A CAVALLO TRA CAMPANIA E BASILICATA, LUNGO LA DORSALE DEI MONTI DELLA MADDALENA DOVE INSISTONO DUE PERMESSI DI RICERCA PETROLIFERA: IL MONTE CAVALLO E TARDIANO!
LE ROCCE AFFIORANTI SONO COSTITUITE DA CARBONATI FRATTURATI E CARSIFICATI CHE OSPITANO FALDE DI IMPORTANZA ECCEZIONALE E SONO CARATTERIZZATE DA VARI BACINI ENDOREICI (CHIUSI CHE NON CONSENTONO IL DEFLUSSO VERSO L’ESTERNO) E DA NUMEROSI INGHIOTTITOI.
LE ROCCE CARBONATICHE POGGIANO TETTONICAMENTE SU ROCCE PREVALENTEMENTE ARGILLOSE PER CUI SOSTENGONO LE FALDE CHE ALIMENTANO SORGENTI DI GRANDE PORTATA CHE DEFLUISCONO VERSO IL VALLO DI DIANO E L’ALTA VAL D’AGRI. QUALSIASI DISPERSIONE DI INQUINANTI IN SUPERFICIE, IN UN AMBIENTE IDROGEOLOGICO SIMILE, CAUSEREBBE L’IMMEDIATO INQUINAMENTO DELLE FALDE DI ACQUA POTABILE!
IL GOVERNATORE NON SA QUELLO CHE DICE: E SE NON SA QUELLO CHE DICE CHE GARANZIE DI SAGGIA AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE NATURALI PUÒ OFFRIRE?
INVECE DI PARLARE ISTIGANDO AL DELITTO AMBIENTALE, INSIEME CON IL COLLEGA GOVERNATORE CAMPANO DOVREBBE FARE LE BARRICATE PER OBBLIGARE IL GOVERNO AD ELIMINARE I PERMESSI MONTE CAVALLO E TARDIANO IN QUANTO INCOMPATIBILI CON LA TUTELA DEL PATRIMONIO IDROGEOLOGICO DI IMPORTANZA STRATEGICA.

immagine pubblicata dal Prof. Franco ORTOLANI sulla sua pagine facebook.

immagine pubblicata dal Prof. Franco ORTOLANI sulla sua pagine facebook.

Commenta il post